Giugno 2021

VENTICINQUE ANNI FA NASCEVA FORMAT

società

di Maurizio Festuccia - Non sembra ma abbiamo appena tagliato il traguardo delle 25 candeline.

Format compie 25 anni e da un quarto di secolo non ha mai smesso di portare nelle vostre case il suo particolare modo di fare informazione. Uno stile che ci avete sempre riconosciuto. I nostri originari intenti erano quelli di approfondire ogni argomento, portarlo alla ribalta del vostro interesse nella maniera più trasparente. Entrare all’interno di 10.000 famiglie, al cospetto di oltre 25.000 lettori è una responsabilità enorme che sentiamo addosso ad ogni riga che scriviamo, perché dai tempi di Radio Onda Verde (1977-2001) abbiamo sempre, fortemente, voluto conquistarci il rispetto dell’utente finale. Per realizzare la rivista occorre un impegno impossibile da sostenere senza il contributo dei nostri amici/clienti commerciali che, con le loro pubblicità, permettono di farla giungere, in forma gratuita, direttamente nelle vostre case.

Questa formula risulta particolarmente gradita e continuiamo ad essere convinti rivesta anche una funzione sociale nei confronti di chi, solitamente, rimane lontano dall’informazione.

Accanto abbiamo imprenditori eccezionali, che stringono i denti come tutti, che credono ad una promozione ben veicolata che colpisca con efficacia, una presenza che entra pervadendo le case di tutta la città; imprenditori che non ci hanno mai lasciato soli, che  hanno compreso fino in fondo quanto faccia la differenza affidarsi ad un mezzo che continua ad esistere ed andare avanti rispettando quella fiducia e portando avanti quei principi nell'​impegno civico. Ma oltre a ciò che toccate con mano ad ogni uscita della rivista, c'è il 'figlio' più giovane (degno di cotanto genitore), ancora più impegnativo perché quotidiano:  ‘formatrieti.it’, il quotidiano di informazione locale su web che da qualche anno è tra i vostri siti preferiti consultabile anche tramite Facebook (format online).

Oggi, allo scoccare dei 25 anni di vita, Format muta, inizia a cambiar pelle: lo fa ad iniziare dal restyling del logo, dai piccoli ma sostanziali mutamenti che avrete già notato in copertina. Poi, via via, si vestirà di nuovo anche all’interno.

Graficamente cambierà volto anche grazie alla felice intuizione di Lucia Ricciardi che, come agli esordi accadde con il bravo Alessandro Vellucci nel lontano 1997, da qui a poco darà il via al nuovo corso di impaginazione del giornale. Ma i suoi principi, il suo delicato e responsabile ruolo nella società non verranno mai meno, gli stessi con cui venne al mondo, venticinque anni fa.

(in foto la nostra prima copertina)

condividi su: