Dicembre 2018

NEWS

UN EX ARBITRO DI SERIE A REATINO NEL GIRO DI USURA SGOMINATO DAI CARABINIERI

sicurezza, antiviolenza

E’ stato l’intuito di una madre ha portare gli inquirenti all’arresto, alle prime luci dell’alba di mercoledì 19 dicembre, di 4 usurai 3 dei quali di origine rom residenti ad Avezzano e uno di Rieti. L’indagine, iniziata a marzo 2016 e coordinata dal Sostituto Procuratore Rocco Gustavo Maruotti, è iniziata quando la congiunta di un giovane imprenditore reatino, si è resa cosciente dello stato depressivo del proprio figlio.

Il modus operandi utilizzato dai malviventi era sempre lo stesso: a fronte di un prestito iniziale spesso non ingente da poche migliaia di euro, veniva immediatamente concordato il pagamento mensile di una somma di interessi che andava dal 10 al 100 per cento (120 e 1.200 % annui) che costringeva quindi l’usurato, già di per se in forte difficoltà economica, a non riuscire più a far fronte al proprio debito. In tal modo la vittima ben presto si trovava in trappola in quanto ogni mese riusciva a malapena a pagare gli interessi maturati sul proprio debito iniziale, senza mai riuscire a saldare il prestito da cui era scaturito il rapporto usuraio.

Non si fermavano davanti a nulla, neanche a chi era caduto nella rete degli usurai per far fronte a improvvise spese mediche dovute a malattie degenerative.
Fra le vittime accertate vi è stato chi, a fronte di un prestito di poco più di 2.000 euro era stato costretto a dare in pegno l’atto di proprietà della propria abitazione al fine di ottenere altro tempo per poter pagare o chi, per ottenere dilazioni nei pagamenti, si è addirittura visto presentare avances di natura sessuale.

Il reatino arrestato è Luigi Altobelli, di 76 anni, originario di Longone Sabino ed ex arbitro della Serie A.

Le vittime si attestano intorno ad una trentina.

condividi su: