Aprile 2019

EVENTI E MANIFESTAZIONI

UN ANNO PER RACCOGLIERE LE STORIE DELLA RESISTENZA REATINA, IL CONCORSO RISERVATO AGLI STUDENTI

Il 3 Maggio la premiazione del miglior progetto

rieti, storia

(Giuseppe Manzo) Cgil, Anpi e Comuni di Rieti e di Castelnuovo di Farfa, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale di Rieti e provincia, nel maggio del 2018 avevano indetto un concorso sulla storia della Resistenza a Rieti e in Sabina, intitolato “I Giovani e La Memoria”.

Il periodo storico da analizzare era in particolare l’occupazione nazifascista del territorio reatino degli anni 1943-1944. Lo scopo del concorso era promuovere nei giovani e nella società il recupero della memoria di quei tragici avvenimenti, attraverso lo studio, l’approfondimento e la creazione di opere originali (filmati, racconti e opere teatrali).

Come ha detto il Presidente Mattarella, il rischio è l’oblio di avvenimenti che, in quegli anni di guerra militare e civile, segnarono la vita di tanti italiani costretti a compiere scelte dolorose e a subire arresti, torture e morte in nome della libertà, della dignità e della giustizia.

E’ questo il significato della ricorrenza del 25 aprile, una rievocazione storica fondamentale per la democrazia italiana, che non può essere vissuta in modo formale o messa in secondo piano.

Il Comitato Organizzatore del Concorso aveva pertanto invitato le nuove generazioni (scuole medie inferiori e superiori di Rieti e provincia) a riflettere sui valori della democrazia e della pace, della dignità umana e della solidarietà, richiedendo ai giovani coinvolti un’analisi e un approfondimento della storia reatina della seconda guerra mondiale per giungere alla realizzazione di lavori originali che rievocassero quei tragici avvenimenti.

I giovani delle scuole, che hanno aderito al concorso, hanno risposto con entusiasmo all’appello, effettuando durante l’anno scolastico in corso, con l’aiuto dei loro insegnanti, studi, analisi, interviste e ricerche storiche che si sono rivelati molto seri e interessanti; in alcuni casi preziosi per la memoria del nostro territorio. L’originalità e la qualità delle opere presentate è stata molto apprezzata dalla Commissione che nei mesi di marzo e aprile scorsi ha potuto esaminare i lavori proposti dalle scuole partecipanti.   

La premiazione dei lavori scelti dalla commissione avverrà con una manifestazione che si terrà venerdì 3 maggio presso l’Aula Magna della Sabina Universitas, in Via Angelo Maria Ricci, 35A (ex Geometri). Protagonisti dell’evento saranno i giovani che hanno realizzato le opere che sono state selezionate.

Ma ad essere premiata non sarà solo la volontà e la creatività dei giovani delle scuole che riceveranno una borsa di studio, ma soprattutto l’azione, che con tenacia hanno portato avanti studenti e professori, di recupero della memoria storica di fatti dolorosi rievocati con amore e rispetto, onorando il ricordo di quanti offrirono in sacrificio la vita per difendere la libertà e la democrazia.      

"Se percuotendomi volete mortificare il mio corpo, è superfluo il farlo; esso è già annientato. Se invece volete uccidere il mio spirito, vi dico che è opera vana: quello non lo domerete mai", aveva detto una giovane partigiana reatina agli aguzzini nazisti che l’avevano percossa prima di fucilarla il 20 giugno del 1944, nei pressi di Verbania.

condividi su: