Aprile 2022

STORIE

QUEL 7 APRILE 1944 A LEONESSA

storia
Nella V domenica di Quaresima la Chiesa ricorda la strage di Leonessa, questo il racconto che ne fa Luciano Priori.
"A Leonessa erano le 14,30 del 7 aprile 1944 quando don Concezio Chiaretti, cappellano militare del 38° Battaglione Alpini della Julia in licenza per malattia, stava celebrando all’altare dell’Addolorata nella Chiesa di Santa Maria del Popolo, assistito da suo nipote Giuseppe chierichetto.
La madre del sacerdote, viste le rappresaglie nazifasciste in atto da giorni nell’intero territorio leonessano, fomentate da una donna assetata di vendetta e condotte dalle truppe nazifasciste, e saputo che lo stavano braccando si recò nella chiesa urlando:
«Fiju, scappa!
Te vau cerchénno li tedeschi!» («Scappa, figlio, i tedeschi ti stanno cercando!»).
Il sacerdote restò impietrito, ma rimase all’altare continuando la celebrazione, con sua madre piangente e il nipote undicenne.
Quasi subito entrarono i soldati delle SS e lo arrestarono portandolo nella piazza del paese con altre 22 persone.
Poi tutti furono condotti fuori delle mura di cinta su una piccola altura, disposti in fila per essere fucilati.
Don Concezio recitò per tutti la formula dell’assoluzione tracciando il segno di croce e dicendo ai carnefici: "Vi perdono in nome di Cristo, di cui oggi ricordiamo la passione e morte. Dio abbia misericordia di voi e pietà di noi".
Furono trucidati a colpi di mitraglia e morirono sul “Golgota” leonessano alle ore 15 del 7 aprile 1944, Venerdì Santo.
Don Concezio, altro “Cristo”, veniva ucciso in “Odium Fidei” per essersi prodigato tra le opposte fazioni a salvare la vita di chiunque.
Anche altri due preti furono uccisi in quella settimana di passione: don Giuseppe Morosini, fucilato a Roma nel Forte Bravetta dai fascisti italiani il 3 aprile, Lunedì Santo, e don Pietro Pappagallo, assassinato alle Fosse Ardeatine il 24 marzo nella settimana di Passione, ambedue medaglia d’oro".
Il 7 aprile 23 furono le vittime per un totale di 51 tra il ‘43 e il ‘44.
Oggi domenica 7 aprile 2024 la commemorazione: alle ore 10.30 il Raduno presso il Sagrato della Chiesa di San Francesco, alle ore 11 il Corteo sul luogo della strage, alle ore 11.30 al Monumento Sacrario Militare il Picchetto d'onore del I° Battaglione Trasmissioni 'Leonessa', Centro Trasmissioni di Civitavecchia, con deposizione della corona di alloro, onori militari ai Caduti per la Patria, lettura dei messaggi ricevuti e saluto del sindaco e delle autorità.
Alle ore 12.30 partenza da Piazza 7 aprile 1944 e deposizione corone d'alloro negli altri luoghi degli eccidi: Villa Gizzi, Villa Carmine, Ponte Riovalle, Cumulata. 
Alle ore 17 Santa Messa presieduta dal vescovo di Rieti mons. Vito Piccinonna e Commemorazione delle vittime dell 1944 presso la Chiesa di San pietro. 
3_04_22

condividi su: