Giugno 2024

QUANDO SCORRE. L’ACQUA BRUCIA LA STORIA: 6 GIUGNO MOSTRA FOTOGRAFICA ALL'OPENHUB LAZIO

cultura

Open Hub Lazio per la sede di Rieti, nell’ambito della CALL TO ACTION - CALL CULTURA presenta, in co-progettazione con Arci Rieti APS e Teatro delle Condizioni Avverse APS la mostra fotografica di Francesco Galli “Quando scorre. L’acqua brucia la storia”.

Le fotografie esposte sono il risultato di un progetto promosso dal Teatro delle Condizioni Avverse di Montopoli di Sabina e finanziato dalla Regione Lazio con la finalità di raccontare i luoghi e i paesaggi lungo il torrente Farfa. La ricerca, svolta da Francesco Galli tra l’autunno del 2008 e l’estate del 2009, ha interessato il territorio della Bassa Sabina nei comuni di Castelnuovo di Farfa, Fara Sabina, Montopoli di Sabina, Mompeo, Salisano, Nazzano, Torrita Tiberina.

Le immagini in mostra sono stampe analogiche ai sali d’argento realizzate nel 2024 da negativi in medio formato, grazie al contributo della Fondazione Varrone di Rieti. L’allestimento è stato realizzato in coprogettazione con Arci Rieti APS e OpenHub Lazio.

La mostra si inaugurerà giovedì 6 giugno alle ore 18:00 a Rieti presso la sede di OpenHub Lazio in via Giuseppe Pennesi 2, con un incontro pubblico sui temi espressi dal rapporto tra territorio e sua rappresentazione dal titolo “Dal territorio al paesaggio. I luoghi lungo il torrente Farfa nelle fotografie di Francesco Galli”. Parteciperanno: Elisa Resegotti (Giardiniera paesaggista – AIAPP - Curatrice d’arte e giardini), Gaetano Linardi (Dottore forestale), Pablo De Paola (Ingegnere ambientale esperto del fiume Farfa), Andrea Pieroni (Fotografo e naturalista della Riserva Monti Cervia e Navegna), Nicola Caramignoli (Fotografo e Presidente Associazione APS IFlashati), Gabriella Guido (Biblioteca Verde di Rocca Sinibalda – Cincia Fest) insieme a Francesco Galli autore delle fotografie.

L’esposizione resterà aperta dal 6 al 28 giugno 2024 dal lunedì al venerdì con orario: 9:00 - 13:00 e 14:00 - 18:00. L’ingresso è libero e gratuito.

 

05_06_2024

condividi su:
TACA BANDA
cultura