Ottobre 2020

LIBRI

PRIVATE TOUR: VIAGGIO NEI SENTIMENTI E NEI LUOGHI

Un libro trasformatosi in un ‘progetto in movimento’

libri

(di Catiuscia Rosati) Ma davvero un libro può fare tutto questo?
Ce lo siamo chiesto più volte in questa avventura editoriale di ‘Private. Venti giornaliste nel tempo sospeso’ edita da Funambolo.
Un libro che dalla sua uscita il 22 giugno 2020, ci ha condotto in un viaggio nei sentimenti e nei luoghi.
Un libro nato per “conservare” un'esperienza unica come quella del lockdown, per non lasciar andare tutte le emozioni di un periodo che ancora oggi produce ferite.

Il viaggio lo abbiamo iniziato dentro di noi, perché scrivere è stato “scavare” nelle nostre esperienze vissute, poi siamo andate, senza esitazioni, verso le altre donne che hanno subito violenza durante la quarantena, devolvendo le nostre royalties al Telefono rosa, in seguito il libro ci ha portato in tanti comuni della provincia di Rieti e non solo. Un tour inatteso nei territori che timidamente stavano cercando di tornare alla normalità dopo la chiusura totale. Il nostro libro è stato per molte comunità il primo evento pubblico di ripartenza e abbiamo sentito tutta l'energia e il coraggio delle persone che hanno organizzato, percependo un evento, per anni scontato, come un privilegio raro.
Un tour che è stato una vera scoperta, perché durante la stesura non immaginavamo di poterci muovere fisicamente nei luoghi. Abbiamo riscoperto una provincia vitale fatta di cittadini ed amministratori che non si sono piegati alla paura ma hanno trovato la forza di reagire. Abbiamo incontrato associazioni culturali desiderose di tornare a diffondere cultura e arte. Un associazionismo che ha dimostrato di essere la parte migliore del nostro Paese.
Siamo partite dal suggestivo Monastero delle Clarisse di Fara Sabina, poi nella biblioteca di Passo Corese per tornare a Rieti nel Polo Santa Lucia e nei Giardini del Vignola con Liberi sulla Carta per poi andare nella medievale piazza di Greccio, nella piazzetta antica di Contigliano, nel Castello appena riaperto di Montenero, all’inaugurazione della panchina rossa a Poggio San Lorenzo, sotto la Rocca di Corvaro di Borgorose,  nel borgo di Orvinio, a Poggio Mirteto, sugli Appennini alle pendici del Monte Terminillo, nel cuore di Borgovelino, nella piazza di Ornaro, nel Palazzo della Comunità di Cittaducale, nell'auditorium di Leonessa, nel Parco Camuccini di Cantalupo appena inaugurato, nel teatro di Poggio Moiano, all’interno del Feel Hearth Festival all'Orto botanico di Roma, nel Castello di Rocca Sinibalda, ancora nella capitale, nella sala stampa estera con Telefono Rosa, e poi a Teramo, Castel di Tora, e quando tutto tornerà possibile recuperemo le tappe  programmate.
E nel vedere i luoghi, depositari di un ricco patrimonio artistico, nell'incontrare soprattutto le persone e nel raccontarci ogni volta, il libro ci ha cambiate.
Non possiamo più tornare indietro, siamo diventate altro, non solo colleghe ma compagne di viaggio che condividono, in una chat di oltre 300 messaggi al giorno, la loro vita, i successi, le delusioni, le risate, le “incazzature”, le ricette, le idee.
Il libro che muove il sole e le altre stelle…, muove l'anima di chi lo ha letto e di chi lo ha scritto.
Un libro, solo carta e inchiostro ed è subito vita.

 

condividi su: