Gennaio 2019

SPECCHIETTI PER LE ALLODOLE

commercio

(di Domenico Di Cesare) Da anni siamo abituati a vedere i prezzi non a cifra tonda, ma con i 99 centesimi a fare da specchietto per le allodole; accadeva lo stesso con le lire e con ogni prodotto, alimentare o tecnologico, dalle pentole alle automobili.

La segnalazione che arriva alla nostra redazione è singolare in quanto pare proprio che il centesimo di resto non venga più dato e certo non va a colpire le tasche del cliente, ma la correttezza sì.

In un centro commerciale del nucleo, ci sono centinaia di cartelli con grandi numeri scritti in rosso su sfondo bianco; il colpo d’occhio è evidente ma alla cassa c’è la sorpresa e chi ci segnala il fatto, al terzo acquisto ha domandato perché non ci fosse quel famoso centesimo di resto. La risposta immediata da parte della persona in cassa è stata: “Non posso darle il centesimo di resto perché la Banca d’Italia non li ‘stampa’ più”. Il cliente non ha ricevuto quindi il centesimo ma ha fatto presente che per un discorso etico dovrebbero arrotondare le cifre e quindi invece di scrivere 9,99 centesimi dovrebbero scrivere 10€, quello che il cliente effettivamente paga, altrimenti chi decide i prezzi è in malafede. Quella virgola è proprio birichina e forse davvero dovrebbe farsi da parte.

Per correttezza di informazione pubblichiamo uno degli scontrini con il prezzo 24,99 di un termoventilatore e il resto di 25,01 ma, oplà, il centesimo di resto non si dà.

condividi su: