Maggio 2022

OMETTE TRACCIABILITÀ DELLA CARNE SUINA. DENUNCIATA UNA PERSONA

cronaca

Nel corso dell’ultimo anno, i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Rieti hanno effettuato controlli mirati, diretti alla commercializzazione, etichettatura e tracciabilità della carne suina presso i centri commerciali della grande distribuzione, ispezionando i banchi frigo adibiti alla vendita della merce confezionata ed etichettata dopo essere stata lavorata nel reparto macelleria oppure proveniente da altri operatori della filiera e pronta per la vendita al pubblico.
L’attività ha portato al deferimento di una persona all’A.G. per frode nell’esercizio del commercio e vendita di prodotti industriali con segni mendaci, oltre a sanzioni amministrative per un importo di oltre 36.000 Euro, per aver omesso le informazioni previste ai fini della rintracciabilità del prodotto e all’individuazione del Paese di nascita, allevamento e macellazione degli animali. Sequestrate inoltre quasi 200 confezioni di salsicce e preparati di carne suina, per un peso stimato in oltre 100 kg, dove veniva riportata la dicitura “prodotto 100% italiano”, pur trattandosi di carni di provenienza UE.
Il quadro giuridico in materia di etichettatura alimentare ha l’obiettivo di garantire la salubrità dei cibi e la concorrenza leale, assicurando l’accesso da parte dei consumatori a informazioni chiare, comprensibili e affidabili sui prodotti acquistati. Gli alimenti infatti presentano numerosi rischi per la salute umana, anche a fronte della globalizzazione dei mercati e del continuo progresso tecnologico, con cui sempre più vengono offerti sul mercato, a un costo contenuto, prodotti “non convenzionali”, sostitutivi di quelli tradizionali.
Tra i principali obiettivi dei Carabinieri Forestali di Rieti vi è proprio il contrasto degli illeciti in materia agroalimentare, con particolare riferimento alla tracciabilità e rintracciabilità dei prodotti anche trasformati, ponendo in essere attività di verifica sulle varie fasi che l’alimento subisce a partire da quella di produzione e raccolta della materia prima, fino al consumo da parte dell’utente finale.
I controlli, posti in essere dalla Stazione Carabinieri Forestale di Rieti sul settore delle carni suine, sono parte di un’attività più ampia, che in passato ha interessato anche il comparto ortofrutticolo, con accertamenti presso venditori al dettaglio e all’ingrosso, sempre nel Comune di Rieti, dai quali sono scaturite sanzioni amministrative per oltre 55.000 Euro per incertezza sulla provenienza dei prodotti.

22_5_22

condividi su: