Gennaio 2019

TERREMOTO

LA RABBIA DEI TERREMOTATI SULLE DICHIARAZIONI DI ETTORE ROSATO

ricostruzione

E’ polemica sulle dichiarazioni di Ettore Rosato, presente ieri nella trasmissione in onda su Rete 4  ‘Stasera Italia’.

Sono gli abitanti di Accumoli a denunciare ciò che a loro detta, e per quello che è dato constatare dalle immagini che pervengono, delle affermazioni assolutamente non in linea con ciò che accade.

Intervistata, una donna residente nei moduli SAE, con le lacrime agli occhi afferma: ”Ci sentiamo abbandonati dallo Stato. Queste case non sopravvivranno ad un altro inverno” e le telecamere riprendono una caldaia aggiustata con mezzi di fortuna, mentre fuori, il ghiaccio e il gelo ricoprono strade ed alloggi.

E’ Rosato a prendere la parola al ritorno in studio, sciorinando dati duramente contestati da chi è coinvolto in prima persona “Solo ad Accumoli ci sono 2000 cantieri aperti e 402 immobili privati già ricostruiti, nei quali sono tornate le famiglie”

Dichiarazioni forti, che lasciano i residenti del cratere, sfollati e sfiniti, con l’amaro in bocca. Stridono per giunta con i dati in possesso dei comitati civici nati subito dopo il sisma, che dichiarano: “Solo il 10% delle pratiche per la ricostruzione sono state approvate”. Per non parlare dell’assenza che sindaci e deputati interessati nella causa di ricostruzione lamentano da troppo, il disinteresse che sembrerebbe dimostrare il Commissario straordinario alla ricostruzione Farabollini.

Un clima teso, quindi, si respira nel Paese tanto da associare la sorte dei 49 migranti fermi in mare, all’abbandono di chi è migrante in terra.

Nella giornata di ieri, infatti, lo scontro tra il Premier Conte e il Ministro dei Interni Matteo Salvini.

Alla chiusura dei porti da parte dell’uno ne è conseguita la risposta ironica dell’altro “Vorrà dire che non li  faremo sbarcare, li prenderò con l'aereo”.

Non si è fatta attendere la risposta della leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, la quale ha chiosato “Presidente Conte, sull'aereo per i migranti c'è posto per i terremotati?".

condividi su: