Aprile 2019

TERREMOTO

LA FIACCOLATA A L'AQUILA, PRESENTE ANCHE AMATRICE E I NOSTRI TERRITORI

solidarietà

E' in corso la fiaccolata in ricordo delle 309 persone che persero la vita durante il terremoto all'alba del 6 aprile 2009. Non solo la città si stringe nel ricordo delle vittime, ma anche le altre Regioni d’Italia. Le strade della città abruzzese si illuminano in una notte di ricordi e dolore. Il corteo di fiaccole si snoda tra i cantieri e le nuove case. Questa decima fiaccolata vede la partecipazione, fra gli altri, del premier Conte.Ci sono non solo i familiari delle vittime, ma anche le persone colpite da altri disastri, da Amatrice a Rigopiano, dall’Emilia a Viareggio, a San Giuliano di Puglia

Un decennale che ha riacceso i riflettori sulla città, presa d'assalto per l'anniversario dai media nazionali e internazionali.

Da via XX settembre il corteo raggiungerà a piazza Duomo. Intorno alla mezzanotte, toccante sosta davanti al piazzale dove c'era la Casa dello Studente nella quale sono morti otto giovani universitari. Poi la messa nella chiesa del Suffragio celebrata dal cardinale Giuseppe Petrocchi, arcivescovo metropolita dell'Aquila e, nella notte, la veglia di preghiera 'Aspettando le 3,32', animata dalla Congregazione Salus Populi Aquilana. Ed infine alle 3 e 32 l'ascolto dei 309 rintocchi in ricordo delle vittime del sisma del 2009.

Il Sindaco di Amatrice Filippo Palombini sarà ospite di Maurizio Mannoni  nella trasmissione Tg3 Linea Notte 
"Avrò la possibilità di esprimere la nostra solidarietà ai nostri fratelli aquilani colpiti dieci anni fa da un destino analogo al nostro (questa sera dalle ore 24 Rai3)

Rai2 questa sera ha mandato in onda il film documentario L’Aquila, 03:32 – La generazione dimenticata con Lino Guanciale, prodotto da Stand By Me con Rai Cinema. Il documento ha ripercorso gli avvenimenti di quella terribile notte del 2009 focalizzando l’attenzione su sei edifici, sei simboli di quel dramma: gli appartamenti abitati dagli studenti. Lino Guanciale , nato ad Avezzano a pochi km dal capoluogo, e nell’aprile del 2009 aveva quasi trent’anni e tanti amici a L’Aquila. Camminando tra le strade della città, l’attore ci ha condotto nei luoghi simbolici della vicenda, incontrando e intervistando i sopravvissuti. Ragazzi e ragazze che hanno vissuto il sisma sulla loro pelle dall’interno della loro camera e che sono riusciti a scappare nella notte attraverso i corridoi sospesi nel vuoto o sono rimasti per ore sotto le macerie delle palazzine ormai tristemente note di via XX settembre 46, via Campo di Fossa 6/B, via Poggio di Santa Maria 8, via Don Luigi Sturzo 39, via Generale Rossi 22 e via D’Annunzio 24.  Tanti gli appuntamenti dedicati a questa triste ricorrenza nelle varie reti Tv, che siano di stimolo per una ripresa ancora difficile.

condividi su: