Ottobre 2023

SISMA

FIRMA LA PETIZIONE PER L'ISTITUZIONE DI UN FONDO PER I PARENTI DELLE VITTIME DELLE GRANDI CATASTROFI

Dal 9 ottobre scorso Mario Sanna, uno dei sopravvissuti del sisma di Amatrice del 2016, sopravvissuto anche a Filippo, il suo primogenito di soli ventidue anni, ha iniziato lo sciopero della fame ad oltranza per chiedere, per l’ennesima volta in questi sette anni, l’istituzione di un fondo per i parenti delle vittime delle grandi catastrofi.
Esistono nel nostro Paese due precedenti che dovrebbero facilitare la normazione di tale fondo: le disposizioni in favore dei parenti delle vittime di Viareggio e Rigopiano.
Il fondo chiesto dal signor Sanna rappresenterebbe un riconoscimento da parte dello Stato, e dell'intera collettività, della dignità e dell'identità di chi non c'è più, oltre che della dignità e della identità di chi rimane, e pertanto non potrebbe che avere valore ideale, poiché la somma corrisposta ai parenti del defunto non svolgerebbe, non potrebbe svolgere, alcuna funzione risarcitoria.
L'istituzione di questo fondo è importante perché prima ancora di immaginare e pianificare qualsiasi ricostruzione, si dovrebbe pensare alle macerie che rimangono, inamovibili, nelle anime dei sopravvissuti. Se volete dare forza a questo appello firmate la petizione presente online qui

condividi su: