Dicembre 2018

EVENTI E MANIFESTAZIONI

FIERA, MA A NOI AMBULANTI NON PENSATE?

In 300 eravamo al freddo e senza servizi

commercio

 Vincenzo Cardenia, ex presidente provinciale FIVA Confcommercio Rieti, co-fondatore ed ex dirigente nazionale del G.O.I.A. UGL, attivista nazionale NO BOLKESTEIN e unico amministratore del gruppo La Voce Del Mercato (500 iscritti) replica dopo aver appreso la posizione del PD contrario  allo spostamento della tradizionale e centenaria fiera di Santa Barbara nella storica location di via liberato di Benedetto. "Letto l'articolo ho subito pensato a un vecchio detto: 3 indizi fanno una prova.  Ma il PD non era quello a non sopportare gli ambulanti? Il primo indizio risale all'epoca in cui ero dirigente nazionale del GOIA e, proprio in quel periodo il PD vinse le comunali a Rieti, appena si insediò la Giunta tolsero i bagni dal mercato di Via de Juliis e per 5 anni nonostante le mie continue richieste ci fecero stare senza i servizi igienici. Secondo indizio: spostamento della fiera in aperta campagna lungo le sponde del Velino, senza alcun confronto con gli operatori:  servizi completamente assenti in un luogo umido e freddo e senza curarsi delle norme di sicurezza che regolano manifestazioni di questa portata, stiamo parlando di 300 partite Iva che espongono la loro mercanzia e un'affluenza di pubblico che oscilla sulle trentamila presenze. Terzo indizio l'odierno: presentazione di una mozione contro chi ha deciso di riportare la fiera nella vecchia location effettuando alcune modifiche per non creare disagi ai residenti del posto e rispettare le norme di sicurezza. Vicenda che ha creato sui social divisione  secondo anche le appartenenze politiche. Sono indignato dall'aver letto  commenti addirittura denigratori verso gli ambulanti. Vorrei ricordare a tutti i soggetti che hanno dato vita a queste discussioni a volte anche indecenti che i 300 ambulanti che partecipano alla manifestazione sono esseri umani e che stare per 14 ore al giorno in aperta campagna, senza bagni e senza locali pubblici per rifocillarsi di cibo e bevande calde in pieno inverno è al limite del disumano. Oggi gli ambulanti sono riusciti ad ottenere uno spostamento sperimentale con l'impegno di non creare disagi ai residenti. Ognuno di noi deve sostenere dei costi per prendere parte alla Fiera: un conto è  lavorare in periferie disorganizzate, altro  farli lavorare in luoghi centrali che offrono il minimo di accoglienza sia per gli espositori che per i visitatori. Concludo con una richiesta alle parti politiche in causa, stiamo parlando di 300 partite Iva che vogliono solo lavorare nel rispetto delle regole e che non vogliono assolutamente crearsi antipatie con la popolazione reatina, antipatie che i vostri litigi politici possono istigare. Santa Barbara è una manifestazione che porta introiti economici nelle casse del Comune, quindi porta beneficio a tutta la città: è vero ci sarà qualche disagio con il traffico e con qualche sosta selvaggia, a noi   dispiace, con senso civico questo problema può essere sminuito. Ho letto che qualcuno ha addirittura proposto di togliere la manifestazione per sempre, a queste persone rispondo: io vivo a Vazia e non sono un appassionato di motori, però non mi sognerei mai di lamentarmi dei disagi che crea la coppa Carotti, questo perché il mio buon senso mi suggerisce che tali manifestazioni fanno bene alla città di Rieti e alla comunità reatina"

condividi su: