Giugno 2021

CCIAA, VERSAMENTO DIRITTO ANNUALE 2021

impresa

La Camera di Commercio di Rieti rende noto che è stata inviata tramite PEC alle imprese  iscritte o annotate nel Registro delle Imprese un’informativa contenente i dati e le informazioni necessarie per provvedere al versamento del diritto annuale 2021.

Gli importi sono invariati rispetto a quelli stabiliti per l’anno 2020 e risultano così determinati

Tipo di impresa

Sede       

Unità locale

Imprese individuali iscritte nella sezione speciale del Registro delle Imprese

 €   53,00

 € 11,00

Imprese individuali  iscritte nella sezione ordinaria del Registro delle Imprese

 € 120,00

 € 24,00

Società semplici agricole

 €   60,00

 € 12,00

Società semplici non agricole

 € 120,00

 € 24,00

Società tra avvocati previste dal D.lgs. n. 96/2001

 € 120,00

 € 24,00

Soggetti iscritti al REA (solo per la sede)

€ 18,00

Imprese con sede principale all’estero: per ciascuna unità locale/sede secondaria

€ 66,00

Le imprese iscritte nella Sezione Ordinaria del Registro delle Imprese diverse da quelle individuali (società, cooperative, consorzi…) calcolano l’importo da versare in base al fatturato complessivo realizzato nel 2020. Per le imprese con fatturato 2020 fino ad € 100.000, l’importo del diritto annuale 2021 è pari ad € 120,00. Per le imprese con fatturato 2020 superiore ad € 100.000 si rimanda, ai fini del calcolo dell’importo da versare, alla tabella delle aliquote previste dalla norma, riportate sul sito camerale all’indirizzo www.ri.camcom.it.  

Il pagamento dovrà essere effettuato tramite la piattaforma PagoPA oppure tramite modello F24 entro il 30 giugno 2021, termine previsto per il versamento del primo acconto delle imposte sui redditi, salvo proroghe, con la possibilità di versare nei 30 giorni successivi (entro il 30 luglio 2021) con applicazione della maggiorazione dello 0,40%.Tale maggiorazione deve essere versata in centesimi, con arrotondamento matematico in base al 3° decimale, ed è, comunque, dovuta anche in caso di compensazione di crediti.

Attenzione alle truffe

Si invitano le imprese a diffidare di ogni richiesta di pagamento relativa all’iscrizione in presunti annuari, registri e repertori, ovvero relativa a presunte prestazioni assistenziali e previdenziali avanzate da organismi privati che nulla hanno a che vedere con il pagamento obbligatorio del diritto annuale né con l’iscrizione in registri tenuti dalla Camera di Commercio.

14_06_21

condividi su: