Aprile 2019

BOCCONI AVVELENATI, COSA FARE QUANDO SI AVVISTANO

animali

(di Gre.gra) “Seguire la corretta procedura è la cosa più importante quando ci trova davanti a bocconi sospetti” ci dice la coordinatrice provinciale Simona Muccioli di Fare ambiente, Movimento ecologista che opera sul nostro territorio per contrastare le condotte illecite ai danni, anche, dei migliori amici dell’uomo. Di questi giorni le notizie circa il ritrovamento in vari punti della città di presunto cibo avvelenato a Madonna del Cuore, Quattro strade e Chiesa Nuova.

Come comportarsi?

“E’ necessario prelevare da terra il cibo sospetto. Raccoglierlo ed avvisare subito la Asl, Servizio Igiene e Sanità Pubblica, per una duplice funzione: toglierlo dalla portata di bambini ed animali così da scongiurare qualsiasi pericolo e permettere ad organi competenti di accertare se sia o meno un boccone avvelenato e, in caso, di che tipo – continua Simona - senza la corretta procedura non si può poi eseguire  una bonifica del luogo, così da mettere in reale sicurezza tutti. Il passaparola tramite i mezzi stampa è importante ma poi il cittadino deve procedere a norma di legge per salvaguardare se stesso e la comunità.

Saranno poi le guardie ecozoofile ad apporre i cartelli di pericolo e Servizio Igiene e Sanità Pubblica ad esaminare il campione. Questo permetterà alle forze dell’ordine di mappare la zona per essere poi in grado di svolgere indagini. Talvolta, erroneamente, potrebbero generare allarmi anche solo avanzi di cibo gettati. Senza le analisi del campione si brancola nel buio”.

Quanti sono stati i casi di avvelenamento accertati da voi?

Un paio quelli certi, dove i sintomi del cane davano come esito unico l’avvelenamento.

Quanti bocconi letali avete trovato, agendo su segnalazione o per via di comunicazioni?

Noi? Nessuno.

condividi su: