Settembre 2023

CANTALICE, ARCI RIETI RISPONDE A DIONISI: "POVERO 'PAESELLO'!! FACCIA ATTENZIONE LE PAROLE POSSONO CREARE VIOLENZA"

"Ci chiediamo cosa abbia spinto il consigliere Dionisi a definire Cantalice un “paesello”. Sembrerebbe che voglia relegarlo ad una dimensione provinciale e bucolica, lontana dalla mondanità dei Pride…quelle cosacce che si vedono solo nelle grandi città, possedute dal demonio! Forse il consigliere si è perso il passaggio al XXI secolo…sapete…il metaverso ed altre amenità." - scrive ARCI Rieti. 

"Sarebbe interessante inoltre sapere a quale statistica ufficiale abbia attinto il dato che a Cantalice non ci sono gay. Stiamo cercando dati ovunque ma noi dell’Arci non riusciamo a trovarli.

Noi in quella piazza ci siamo stati domenica scorsa, a parlare di diritti. Il diritto, altro sconosciuto al consigliere Dionisi. Caro consigliere, a nessuno interessa, onestamente, se lei abbia qualcosa o no contro la comunità LGBT+. Ci interessa invece che i diritti della comunità LGBT+ vengano tutelati e promossi perché, si tenga forte, i gay ci sono anche a Cantalice!

Prossimamente attiveremo una formazione specifica, nell’ambito del progetto Germoglio, finanziato dalla Regione Lazio per tutelare le vittime di violenza e discriminazione in base all’identità di genere e l’orientamento sessuale, sul significato delle parole.

La inviteremo a partecipare, le farebbe sicuramente bene! Perché le parole possono creare violenza!"

19_9_23

condividi su: