Ottobre 2019

EVENTI E MANIFESTAZIONI

AL RIETI DIGITAL 2019 COMUNE E DIOCESI INSIEME PER 'TRAMANDARE IL BELLO'

digitalizzazione, formazione
Comune e Diocesi di Rieti insieme per il Rieti Digital 2019. E' fissato per il pomeriggio del 16 novembre, presso la sala consiliare di Palazzo di Città l'illustrazione dell'esperienza maturata ad Amatrice dove, dopo due anni dal sisma che ha colpito il centro Italia, è stato allestito il percorso espositivo multimediale "Tramandare il Bello. Il recupero dell'eredità culturale per una nuova sintonia con il creato".
 
"E' uno dei numerosi eventi - ha dichiarato Elisa Masotti, Assessore all'innovazione Tecnologica e alla Digitalizzazione del Comune di Rieti - che arricchirà la maratona digitale in programma nella tre giorni che va dal 15 al 17 novembre prossimi. Il cartellone degli eventi spazierà a 360 gradi coinvolgendo cittadini, scuole, istituzioni e aziende con l'intento di contribuire a diffondere, nell'era della quarta rivoluzione industriale, la cultura del digitale che avanza inesorabilmente in tutti i settori del nostro vivere".
 
L'intervento sarà a cura dell'Ufficio Beni Culturali ed Edilizia di Culto UBCEC della Diocesi di Rieti. "Per l'allestimento del percorso, considerando il particolare contesto in cui ha preso forma, è stata ideata un'esposizione che fa ricorso alle più recenti e innovative applicazioni della comunicazione multimediale quali realtà aumentata, virtuale e videomapping per permettere nuovi modi di fruizione dei beni culturali e garantire una visita dal carattere esperienziale e interattivo. Avendo ben chiari gli obiettivi da cui scaturisce l'iniziativa, che risponde alla convinzione che il patrimonio, tangibile nelle numerose opere d'arte e connesso ad altrettanti beni immateriali rappresentati da usi, riti e tradizioni, sia la testimonianza della memoria materiale e spirituale del territorio, si è cercato di creare uno spazio per mettere a disposizione di tutti qualcosa dell’eredità culturale salvata. Le opere non sono direttamente presenti, ma ricostruite attraverso modelli digitali il più possibile simili ai loro corrispettivi reali e tramite una specifica applicazione, inquadrando con la fotocamera di dispositivi quali smartphone o tablet alcuni marker, è possibile far comparire sullo schermo le opere riprodotte digitalmente e percepibili come presenti nell’ambiente reale. L'esperienza della Diocesi  - hanno dichiarato dall'Ufficio Beni Culturali ed Edilizia di Culto UBCEC della Diocesi di Rieti - si iscrive quindi nel caso delle nuove tecnologie e nuovi linguaggi multimediali applicato ai beni culturali".

"Non solo in questo caso del post-terremoto il digitale si rivela una risorsa - ha sottolineato il Vescovo di Rieti, Mons. Domenico Pompili - credo che anche nella fruizione del nostro territorio così ricco di memoria storica ed artistica si debba trovare modo di valorizzarla grazie ai nuovi linguaggi digitali".  

 

 
 
condividi su: