Gennaio 2021

PROVINCIA

SCUOLA, RIENTRA LO SCIOPERO ANCHE A PASSO CORESE DOPO IL LAVORO DI RAPPRESENTANTI E ISTITUZIONI

sciopero, scuola



“Le motivazioni principali che ci hanno portato ad agire in tal modo - spiegano i rappresentanti degli studenti, Rocco Forniti, Sara Bartolini, Ciro Mocerino, Massimiliano Bordi, che il 19 gennaio hanno indetto lo sciopero presso l’Istituto Aldo Moro di Passo Corese - sono stati gli orari di scaglionamento imposti, un problema per la maggior parte dei ragazzi per le tempistiche sbagliate che oltretutto, in alcune situazioni, non coincidono con i mezzi di trasporto. Molti alunni sono costretti ad aspettare fuori dalla scuola perché l’arrivo dei bus non corrisponde perfettamente con l’entrata del secondo scaglionamento - affermano i rappresentanti - rimanendo fuori al freddo. Lo stesso discorso vale per il ritorno a casa, naturalmente. Non è possibile - attaccano gli studenti - che i ragazzi che vengono da più lontano tornino tardi a casa, senza avere neanche il tempo di poter studiare. Le nostre richieste pertanto - precisano -, non erano assolutamente una protesta contro la scuola, e siamo rimasti molto soddisfatti dei risultati, tanto da far rientrare lo sciopero. Infatti - sottolineano - già la mattina dello sciopero si sono presentati l’assessore delegato ai trasporti, Tony La Torre, e il Sindaco di Fara in Sabina, Roberta Cuneo, che si sono mostrati molto comprensivi e disponibili nei nostri confronti. Siamo molto fieri - concludono i rappresentanti - del lavoro che stiamo intraprendendo con loro”.

“In questi primi giorni di rientro in classe con gli scaglionamenti siamo stati molto attenti e presenti sul territorio per capire come facilitare la ripartenza delle attività scolastiche - commenta l’assessore ai trasporti Tony La Torre -. Il grande lavoro svolto da Prefettura, Cotral, Regione, Provincia ed Enti Locali ha dato i suoi frutti. I trasporti potenziati e accorti alle esigenze degli studenti hanno reso possibile la didattica in presenza al 50%. Lo sciopero al Polo Didattico ci ha visti fin da subito coinvolti - afferma La Torre - in un lavoro di ascolto e risoluzione dei problemi in termini di mobilità per i ragazzi. Grazie alla sinergia con la Presidenza dell’Istituto, con Cotral, e soprattutto con i rappresentanti dei genitori e degli studenti dell’Aldo Moro, abbiamo già messo a punto delle lievi modifiche che risolvono alcune criticità. Voglio fare un plauso ai rappresentanti degli studenti, perché hanno organizzato questo sciopero in coda a tutti gli scioperi studenteschi della Provincia e di Italia, ma si sono di distinti dal gruppo - sottolinea l’assessore - per capacità di dialogo e confronto, determinazione e senso di responsabilità. Da subito infatti ci siamo messi a lavorare sulle esigenze degli studenti pendolari, per perfezionare le corse e facilitare l’arrivo e il rientro, e ieri con grande serietà hanno ritirato lo sciopero tornando in classe per lavorare al fianco delle Istituzioni - conclude La Torre - nell’unico interesse di sostenere la scuola e gli studenti, cosa che unisce tutti noi”.

21_01_21

condividi su: