Dicembre 2020

NPC

KIENERGIA, PRIMA TRASFERTA PRIMO GRANDE TONFO

basket

Eurobaket Roma 73  Kienergia Rieti 61.

(di Roberto Guidobaldi) - Abbiamo scritto 'tonfo in trasferta' solo per cercare una ragione ad una sconfitta che esalta avversari che la Kienergia ha reso trascendentali. Inutile analizzare le cifre di questo incontro perché le ragioni di tale performance, hanno probabilmente, altre radici, motivazioni ,ragioni. Ancora, questa nostra squadra, deve trovare ..la squadra. Sembra proprio un polpo con seri problemi di coordinazione con i propri tentacoli. Fanno parte di uno stesso corpo ma ancora non lo hanno capito. E tra loro, alcuni tentacoli, difficilmente potrebbero capire che bisognerà muoversi in sinergia per essere concreti ed armoniosi. Insomma il polpo in questione avrebbe bisogno di corsi di educazione psicomotoria, molto psico e un po' meno motoria. Le scusanti ci sono. Sfidiamo chiunque ad entrare mentalmente in campionato, con queste situazioni. Difficile trovare la voglia,la convinzione, l'intenzione,la concentrazione per lottare, credere, divertirsi. Sino ad oggi, più che partite, ci sono sembrate situazioni. Prestazioni, da parte di molte squadre, occasionali, del momento. Continuità, prestazioni convincenti ed esaltanti direi assenti. La Kienergia è  in preda a queste problematiche mentali e psicologiche che si riflettono, poi, sul gioco. Se mentre tiri pensi,  e pensi che hai avuto fino a quel momento difficoltà a metterla dentro, beh, è arduo trovare tranquillità, fluidità tecnica e lucidità mentale, anche se  un professionista  dovrebbe saper controllare tali sensazioni.  Oggi, più di altri campionati passati,  è,  e sarà di fondamentale importanza, rafforzare la sfera psicologica di ognuno per una crescita di tutti. Ognuno dovrà trovare dentro sé le motivazioni che prima dava il pubblico, sia in casa (positive) che fuori casa( negative stimolanti). Ognuno dovrà trovare la sua forza da unire a quella degli altri. Si deve giocare pensando di avere una città appassionata alle spalle. Vivere, sentire, godere di queste sensazioni trasformandole in stimoli,voglia,cuore, divertimento. Divertitevi e fateci divertire. Poi, automaticamente,  arriveranno le soluzioni tecniche che permetteranno di sfruttare al meglio le caratteristiche di ognuno. Ci sono, sicuramente ci sono, ma ancora le dobbiamo vedere.

06_12_20

condividi su: