Settembre 2020

REGISTRO DI CLASSE

PALOMBA, PRECISAZIONI SULLE TARIFFE DI TRASPORTO SCOLASTICO

trasporti

Dopo il primo comunicato di RIETICITTAFUTURA in cui i consiglieri accusavano l'assessorato alle politiche sociali di aver aumentato del 240% le tariffe " passando, per una famiglia con ISEE di 19mila €, da 80 € mensili a 200 €" (LEGGI QUI) l'assessore Giovanna Palomba precisa "A seguito dell’approvazione del nuovo regolamento del Comune di Rieti per il servizio di trasporto scolastico e della deliberazione della Giunta Cicchetti dei giorni scorsi, sono state determinate le relative tariffe di pagamento variabili in base alla collaborazione nelle fasce ISEE. A differenza di quanto avviene in altri Comuni d'Italia,  le tariffe sono ANNUALI e pagabili anche in due rate. Si parte dalla fascia più bassa di 50 euro fino a 200 euro per la fascia di reddito più alta dai 19.001 euro.
In sostanza - chiarisce l'assessore Giovanna Palomba -  la fascia più alta paga 20 euro al mese per un trasporto completo. In caso di trasporto parziale, solo andata o solo ritorno, le tariffe sono tutte dimezzate. Un'eventualità questa, finora non prevista.  Inoltre, TUTTI, indipendentemente dal reddito, pagavano lo stesso importo di circa Euro 83,70 l'anno. Era giusto rimodulare in base al reddito. Era giusto prevedere il pagamento ridotto in caso di uso parziale del servizio".

Ecco il prospetto

ISEE TARIFFA SERVIZIO SCOLASTICO
0 – 3.500,00   € 50,00
3.501,00 – 5.500,00   € 80,00
5.501,00 – 9.500,00   €110,00
9.501,00 – 13.000,00   €140,00
13.001,00 – 19.000,00   €170,00
Oltre 19.001 – senza ISEE – NON residenti   € 200,00

Il versamento della quota annuale potrà essere effettuato in un’unica soluzione entro il 14 ottobre 2020, oppure suddividendo l’importo in due rate equivalenti, di cui la prima con scadenza il 14 ottobre 2020 e la seconda il 14 febbraio 2021. 

"Inoltre - termina l'assessore - è stato deliberato che chi ha pagato l'intera quota lo scorso anno, non avendo fruito del servizio da marzo a giugno, possa per l' eccedenza vederla considerata quale acconto su quella dovuta per il corrente anno.
Chi non fruisce più del servizio (per scelta, perché ha finito il ciclo di studi etc..) verrà invece rimborsato".

condividi su: