a cura di Mariastella Diociaiuti

Ottobre 2020

BRICIOLE DI DIRITTO DEI CONSUMATORI

LE CONTROVERSIE ENERGETICHE AL TEMPO DEL CORONAVIRUS

giustizia

(di Mariastella Diociaiuti) In questi mesi di lockdown a causa del Coronavirus una cosa è certa: le problematiche relative alle forniture di acqua, luce e gas non sono diminuite, anzi, e inoltre la permanenza forzata a casa ha fatto aumentare i nostri consumi e quindi le prossime fatture che conteggeranno questo periodo saranno più “pesanti”.

Fortunatamente i nostri sportelli hanno continuato a lavorare regolarmente assistendo i consumatori che si sono rivolti a noi per segnalare problematiche e disservizi o, semplicemente, per una richiesta di informazioni.

Purtroppo, il settore energia, con i suoi tecnicismi e la sua complessità, e con la ancora scarsa consapevolezza di molti consumatori nel comprenderne le dinamiche e, addirittura, le stesse bollette, richiede una assistenza qualificata che solo una associazione e dei consulenti preparati possono offrire fin dal primo strumento messo a disposizione degli utenti per gestire i possibili disservizi: il reclamo. La normativa di settore prevede, infatti, che in caso di disservizi è necessario inviare (meglio se per tramite di una associazione) un reclamo scritto   Una volta inviato il reclamo, l’azienda ha 30 giorni di tempo per rispondere in forma scritta e documentata al cliente. 

Ma cosa succede nel caso l’azienda non risponda nei tempi o invii una risposta insoddisfacente? Lo strumento più efficace in questi casi è la procedura di conciliazione ADR. La risoluzione alternativa delle controversie consiste nella economica, veloce ed efficace soluzione della controversia, senza dover ricorrere ad un procedimento giudiziario che ha costi e tempi tali da indurre i consumatori a rinunciare alla tutela dei propri diritti. 

Ad oggi nel settore energia esistono Protocolli di Conciliazione ADR con le principali società e loro controllate: A2A, Acea, E.On, Edison, Enel, Enigaseluce, Iren. 

Se la controversia riguarda altre società, se ha ad oggetto problematiche con il distributore locale o se il cliente è una PMI è invece possibile utilizzare il Servizio Conciliazione Clienti Energia dell’ARERA ( l’Autorità di regolazione del settore) sempre per tramite di un nostro consulente.

In caso, quindi, un consumatore si trovasse di fronte ad una problematica o ad un disservizio con un fornitore di acqua, luce o gas potrà rivolgersi ai nostri sportelli per avere assistenza qualificata.

info:reperla@gmail.com
cellulare : 3496303249
Unione Nazionale Consumatori Rieti e Terni

  

                                  

condividi su: